Azienda

AZIENDA E STORIA

storiaLa Troticoltura Cherubini nasce nel 1950 a Visso, ad opera di Domenico Cherubini con un piccolo allevamento sul torrente Ussita. Proseguì poi il figlio Remo che nel 1965 aprì uno stabilimento più grande ai bordi del fiume Nera, poco distante da Visso, comune storico e importante immerso nei Monti Sibillini protetti dall’omonimo Parco.

Nel 2008 l’impresa è passata nella mani di Domenico e Giovanni Cherubini che, insieme ai loro rispettivi figli Marco, Stefano, Lorenzo ed Anna, oltre all’impianto sopra accennato, curano anche altre due unità produttive a Norcia e Spoleto e un laghetto di pesca sportiva a Castelgandolfo.

Nell’insieme si tratta di un centinaio di vasche dove crescono avannotti, trotelle e via via trote di varia pezzatura con punte che toccano i 12-13 kg per una produzione complessiva pari a diverse tonnellate.

La maggior parte della produzione viene venduta per rifornire laghetti di pesca sportiva e ristoranti.

Le trote prodotte sono della specie fario, iridea e salmonata; inoltre gamberi, storioni, anguille (nel periodo invernale) e carpe (nel periodo estivo).

AMBIENTE

La Troticoltura Cherubini è situata nel cuore dei Monti Sibillini in una vallata incontaminata, ai confini tra Marche ed Umbria, a circa 650 metri di altitudine e a pochi passi dalla sorgente del fiume Nera.

gal9bigL’ottima qualità riscontrata nei parametri fisici e chimici, le modeste oscillazioni della temperatura che si registrano tra estate ed inverno, conferiscono a queste acque un’elevata capacità biologica contribuendo a determinare così un habitat particolarmente favorevole alla nascita, sviluppo e accrescimento della trota, rendendo in questo modo il prodotto di altissima qualità.

Inoltre la Troticoltura Cherubini è una delle poche che non utilizza per l’ossigenazione dell’acqua ossigeno esterno, corrente elettrica o pompe, bensì si avvale del “sistema a cascata” che consente l’ossigenazione dell’acqua attraverso cascate naturali, ideali per la crescita corretta e naturale della trota.

IMPIANTI

DSC_0140L’azienda si avvale di due impianti necessari per coprire l’intero ciclo riproduttivo della trota.

Nella valle di Castelsantangelo sul Nera, alle falde del fiume Nera, è situato uno stabilimento in cui avviene la prima fase, ovvero la schiusa, negli incubatori, delle uova embrionate.

Raggiunta la grandezza di pochi centimetri vengono trasferiti in vasche di maggiore volume, esterne allo stabile.

Dopo qualche mese vengono nuovamente trasferite, questa volta nello stabilimento più a valle, per essere separate per specie e grandezza e per essere selezionate nuovamente durante la loro crescita e collocate in vasche di maggiori dimensioni.

Normalmente questo ciclo evolutivo si compie nel giro di due anni sotto severi controlli sanitari esplicati su tutta la filiera che ricercano il benessere della trota nella fase di allevamento e nella sua alimentazione, per la sicurezza e la garanzia del prodotto.

FILETTI

Le trote vengono lavorate in perfette condizioni igieniche da personale specializzato che esegue diverse operazioni.

Nella prima fase le trote, appena pescate, vengono accuratamente selezionate per specie e grandezza a seconda delle esigenze. Una volta eliminata la testa e la coda, un macchinario provvede ad asportare le viscere e la lisca centrale. Le spine laterali vengono, invece, tolte con una successiva operazione manuale. Dopo un’accurata pulitura e asciugatura, il prodotto fresco è pronto per la vendita.